Soluzioni per vuoto a secco per impieghi speciali

Soluzioni per vuoto a secco per impieghi speciali

I processi in forno quali sinterizzazione, cementazione mediante carbonio o nitro cementazione mediante carbonio, pongono grandi sfide per le pompe per vuoto utilizzate. Durante questi processi, alcuni dei vapori o delle particelle rilasciati si condensano all'interno della pompa e possono provocare una forte contaminazione o addirittura l'accumulo di depositi.
Le pompe a bagno d'olio dilavano questi contaminanti, funzionano in modo non affidabile e richiedono interventi di manutenzione frequenti o addirittura la revisione da parte del reparto di assistenza.
L'uso di pompe per vuoto a compressione a secco offre un'alternativa economica. A seconda del processo, i vapori vengono semplicemente scaricati o lo strato accumulato nella fase di compressione è talmente lento che può essere rimosso tramite una fase di pulizia.
La scelta migliore per questa applicazione è una pompa a vite con raffreddamento interno del rotore e design del cuscinetto a sbalzo. In questo caso, l'accumulo di depositi viene ridotto a causa delle temperature interne moderate e l'utente ha la possibilità di pulire lo stadio di compressione, se necessario.

Esempio utente:
Sinterizzazione di utensili da taglio in carburo di tungsteno. Durante la fase di deceraggio, i vapori leganti polimerici da cracking (spesso PEG - glicole polietilenico) entrano nella pompa e si condensano parzialmente nella fase di compressione.

Le pompe a bagno d'olio funzionano in modo non affidabile e richiedono manutenzione e assistenza molto frequenti. Nel corso del tempo, anche nelle pompe a compressione a secco, si formano depositi nella fase di compressione che richiedono pulizia.

Soluzione:
Sistema di pompe RUTA con tubazione della pompa a vite con compressione a secco SCREWLINE. Grazie ai rotori raffreddati internamente, la SCREWLINE genera solo una temperatura di compressione moderatamente alta. Rispetto alle pompe a vite standard di solito molto calde, ciò riduce in modo significativo l'accumulo di vapori polimerici da cracking che entrano nella pompa e riduce la formazione di depositi sul rotore e sullo statore. Gli intervalli di pulizia richiesti sono prolungati al massimo.
La rimozione dei depositi mediante glicole polietilenico può essere eseguita mediante un processo di lavaggio dinamico con acqua. Se si utilizzano polimeri come polipropilene o polistirene, è possibile utilizzare altri detergenti per ottenere un effetto migliore. Grazie al concetto di rotore a sbalzo, l'operatore dell'impianto può anche eseguire regolari operazioni di pulizia manuale della camera della pompa SCREWLINE per rimuovere i depositi di processo.
Se le cere di paraffina sono utilizzate come legante, la SCREWLINE si rivela ancora più straordinaria. Le cere di paraffina evaporano e condensano senza decomposizione termica. Se tali vapori entrano nella SCREWLINE, le temperature interne della pompa si trovano esattamente nell'intervallo in cui le cere condensano senza cracking. La condensa viene scaricata dalla pompa nella fase liquida. La pompa può anche essere riavviata senza problemi dopo il raffreddamento. I vapori dei leganti alla paraffina non richiedono una maggiore manutenzione.