Missioni spaziali, satelliti scientifici e commerciali, ricerca extraterrestre come la missione Rosetta dell'ESA o la spedizione Rover della NASA su Marte: tutti questi possono riuscire se tutti i materiali, componenti e strumenti coinvolti vengono prima testati con esito positivo in condizioni di vuoto spinto ed ultra-spinto. Le camere di simulazione spaziale variano nelle dimensioni: da pochi litri per testare ad es. schede PCB di piccole dimensioni, fino ad arrivare a diverse migliaia di metri cubi per comprovare l'idoneità ai viaggi spaziali di navicelle spaziali complete.

Leybold offre soluzioni per vuoto pronti all'uso, su misura per esigenze personalizzate con pompe per vuoto primario e vuoto spinto integrate.

  • UNIVEX sistemi di simulazione spaziale

    Sistemi personalizzati per simulazioni spaziali

    altro